FoSpain

Enogastronomia Spagna

Benvenuti nella viticoltura eroica della Ribeira Sacra

Ribeira Sacra Viticoltura eroica

Benvenuti nella viticoltura eroica della Ribeira Sacra

Le terrazze panoramiche che affacciano lungo i fiumi Miño e Sil regalano vedute uniche e spettacolari sui verdi boschi, tra le chiese e i monasteri romanici, e le vigne terrazzate ordinate sui ripidi e soleggiati pendii che si estendono sopra il corso del fiume.

Siamo nel cuore della Galizia, tra le province di Orense e Lugo.

Benvenuti in paradiso: La Ribeira Sacra, dove la storia, la natura, la gastronomia e il vino rendono questo territorio,  unico, inimitabile e irripetibile, con un paesaggio viticolo di straordinaria bellezza.

Conosciuta già nel Medioevo come “Rivoira Sacrata” per la presenza dei tanti monasteri e templi edificati sui pendii delle valli e delle montagne circostanti.

Una terra che cede poco spazio o nulla alla modernizzazione e alla meccanizzazione delle pratiche colturali e vendemmiali. Il lavoro nelle vigne è cosi difficile e complicato tanto da confinare la denominazione di origine della Ribeira Sacra come un esempio di viticoltura eroica.

Per la gestione dei terrazzamenti sono necessari 45 minuti solo per discendere e risalire le vigne caratterizzate da pendenze elevate e accessibili soltanto con la barca.

Un lavoro eroico quello dei vignaioli e dei bodegueros (produttori) che sfidano le vigne terrazzate su pendii scoscesi con inclinazioni fino al 70% e oltre. Minima è la presenza, ove possibile, di motrici su rotaie porta attrezzi e di trasporto dell’uva.

La coltivazione e la gestione dei vigneti nella Ribeira Sacra richiedono alti costi di produzione rispetto a quelli che si sostengono per i vigneti in collina e in pianura.

La vendemmia è manuale, l’uva viene raccolta e riposta in cassette di 20 kg,
trasportata a mano verso le vie di accesso superiori o a valle verso le rive del fiume, per poi giungere in cantina per le operazioni di vinificazione.

La produzione vinicola è così limitata da rendere esclusivi i vini prodotti.

La coltivazione della vite nella Ribeira Sacra risale ai romani, che in un primo momento ne propiziarono la coltivazione, e successivamente ai monaci benedettini e cistercensi, che elessero queste terre e queste valli come dimora spirituale, dando origine alla costruzione di abbazie e monasteri ancora adesso presenti e visitabili grazie ai tanti cammini spirituali, i quali ne perfezionarono le tecniche di coltivazione e di produzione dei vini.

Il clima è differente nelle cinque subzone che compongono la denominazione di origine.

La D.O. Ribeira Sacra comprende le seguenti 5 sottozone:

  • Ribeiras do Miño;
  • Chantada;
  • Amandi;
  • Ribeiras do Sil;
  • Quiroga-Bibei.

A seconda della altimetria, delle pendenze e della orientazione delle vigne, al clima atlantico si contrappone un clima continentale con inverni freddi e precipitazioni abbondanti. I vini che si producono, non molto alcolici, sono freschi, fruttati e opportunamente acidi, di grande personalità. Con appena 2500 ettari di superfici coltivate a vigneto, equivalenti al 5,2% della superficie totale dei vigneti galiziani e con una resa produttiva davvero limitata, i quantitativi di vino prodotti sono così esigui che vengono facilmente venduti sul mercato nazionale, risultando difficili da incontrare nei mercati esteri.

Una denominazione di origine giovane. A partire dai primi anni ‘90 si iniziò un vero e proprio lavoro di promozione e di valorizzazione dei vini prodotti nella Ribeira Sacra fino a giungere al successivo riconoscimento nell’anno 1996.

Principalmente si producono vini rossi, la varietà più diffusa e coltivata è il “Mencia”, vitigno a bacca rossa e in minima parte si producono vini bianchi molto interessanti, aromatici e delicati a base di “Albariño” e “Godello”, vitigni a bacca bianca.

Ribeira Sacra

I vini della Ribeira Sacra alla Fiera Alimentaria di Barcellona edizione 2016

La produzione annuale sfiora i 4,5 milioni di kg di uva e con un numero di cantine intorno alle centinaia di unità.

Una viticoltura eroica quella della Ribeira Sacra, che dà luogo a vini eroici ed emozionali, e che ha posto le basi per una viticoltura di ritorno in queste aree interne che sembravano destinate a scomparire, visti gli alti costi di produzione e le difficoltà di gestione che presenta questo tipo di viticoltura estrema.

 

Fortunato Foschini

 

 

Rispondi

FoSpain © 2015 - Castellón de la Plana - Tel. +34 722482460
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: